Archivio per Categoria IL MIO LAVORO

DiGiancarlo Paganini

Studia!

(Se vuoi riuscire bene nel commercio…)

“Studia! Se vuoi riuscire bene nel commercio”. Questo simpatico motto familiare ha da sempre condizionato il mio modo di essere, anche se, quanto a titoli di studio, lo ammetto, ho un medagliere piuttosto scarno.

Però ho sempre cercato di imparare da tutti, ho studiato sempre gli argomenti che volevo approfondire, sono sempre stato curioso e sperimentatore. Stavolta però abbiamo fatto sul serio (Io e mia moglie Daniela Blandino): abbiamo frequentato con successo in giugno, ONLINE (adattandoci, ma anche approfittando dei problemi legati al Lockdown Covid), il primo livello del corso di modellazione solida con Rhinoceros.

Qui il mio certificato da neofita di primo livello (cioè, ehm…, siamo veramente ai rudimenti, alle basi raso terra…). Il mondo, anzi l’universo che ci si spalanca innanzi, però, è davvero infinito: ci si sente veramente inesperti navigatori su un guscio di noce.

Il certificato di Rhino, rilasciato dal docente, formatore abilitato Francesco Paganini

Un mondo davvero interessante quello della modellazione solida in 3D con la possibilità di ottenere prototipazione degli oggetti creati con Rhinoceros.

Un sogno nel cassetto, un desiderio

Il mio sogno nel cassetto, da realizzatore di icone a sbalzo e smalto, è la realizzazione di un calice istoriato con alcune riproduzioni di formelle di via crucis di mio padre Ettore. È un po’ la molla che ha fatto scattare questa iniziativa di conoscenza e formazione. Un calice che esprima la preziosità del sacro in chiave moderna. Con l’uso quindi di materiali preziosi oggi, tipo qualche lega o metallo raro (Rodio, Palladio, Iridio, Titanio, Platino, Osmio…), inserti di fibra di carbonio, ecc; e una lavorazione tipo la stampa 3D addizionale per i metalli.

Qualche idea già ce l’ho: chissà se riuscirò a realizzarla?

DiGiancarlo Paganini

CONSULENZE E CORSI

Una parte del mio attuale lavoro consiste nella fornitura di consulenze e corsi. Ultimamente sono stato interpellato per formare del personale da dedicare alla produzione infografica di una azienda che deve realizzare tre o quattro infografiche di attualità per un quotidiano del sud. La struttura dedicata è costituita da un giornalista e due/tre grafici che purtroppo non possono dedicarsi a tempo pieno a questa tipologia di produzione. Quindi è essenziale partire col piede giusto e non dar nulla per scontato.

LA COPERTINA DEL FASCICOLO DEL CORSO DI INFOGRAFICA

Un manuale pratico

Ho iniziato con una infarinatura su cosa è l’infografica, prendendo spunto da un mio antico corso realizzato per lo IULM. I contenuti del manuale sono stati maturati e sistematizzati durante i miei anni di lavoro in Centimetri e in SEI. Vedono anche il prezioso contributo, per la parte giornalistica, del mio ex collega Ugo Moretto, attualmente ancora in forze a Centimetri.

Il taglio del corso è pensato per fornire un contesto generale, tecnico e artistico, perché chi si dedicherà alla produzione di infografici per quotidiani possa avere un orientamento sicuro nella impostazione e nella realizzazione pratica del grafico. Vengono suggeriti casi pratici e tipologie molto disparate di infografici (in genere di piccole dimensioni), in modo da poter subito immaginare come impostare graficamente una notizia.
Poi seguo i ragazzi nelle loro prime realizzazioni, fino a che non acquisiscono una certa sicurezza di approccio produttivo con il software di Adobe e una capacità relazionale con la parte giornalistico-redazionale.

La tentazione sempre dietro l’angolo infatti, è quella di partire a fare senza prima ragionare. E schizzare prima su un foglio cosa si intende realizzare, quali dati si hanno a disposizione e quali mancano, che visualizzazione rappresenti meglio i dati, quali illustazioni o icone servano e dove si possono reperire o creare, è la regola e l’aiuto fondamentale.

DiGiancarlo Paganini

Icona smaltata su ottone

Mi sono cimentato a sbalzare e smaltare una nuova icona tratta dal disegno d’archivio di Ettore Paganini 0190, raffigurante una Madonna con bambino, ma questa volta utilizzando la sottile lastra di ottone acquistata da Miorino metalli.

Un metallo veramente più duttile e morbido di quanto mi aspettassi, sicuramente più dello zinco al quale mi sono abituato. Il problema è che se sbagli, ed esempio calcando troppo la mano e ottenendo troppo volume, poi è difficile rimediare. Dovrò prenderci un po’ la mano. Anche la smaltatura, non so se per il caldo o la giornata ventosa che fa asciugare tutto in un attimo, mi ha dato non pochi grattacapi. Oltretutto il colore del metallo influisce moltissimo sulla resa colore degli smalti.

Comunque questa icona che regalerò ai miei nuovi consuoceri Lanosa, non mi dispiace.
E’ perfettibile, come ogni passo che si fa in una sperimentazione. Mi piacciono la luminosità dorata dell’ottone, che quando viene lucidato risplende come l’oro e, tutto sommato, anche il contrasto degli smalti. Spero che piaccia anche ai miei cari Fedele e Daniela.

Madonna con Bambino da archivio 0190. Sbalzo e smalto su ottone.
DiGiancarlo Paganini

EDITORIA SCOLASTICA, TRADIZIONE E INNOVAZIONE

manuali di testo scolastici

Alcuni dei “miei” “storici” manuali di scolastica

Editoria scolastica è una categoria molto speciale che abbraccia le realizzazioni di una gran parte della mia attività professionale.

Già dalla mia prima esperienza di lavoro allo Studio Due Punti ho avuto a che fare con le illustrazioni per libri di testo dei cicli scolastici, dalle elementari alle scuole superiori, come si può notare dalla mia pagina Clienti.

(Un piccolo aneddoto simpatico: molti anni fa -era il ’92 o il ’93- mi ero ripromesso di smettere con la scolastica. Perché un cliente mi mostrò una serie di illustrazioni che gli piacevano molto, di un altro editore. Mi chiese dubbiosamente se per caso ero in grado anche io di fare qualcosa di simile per loro. Ebbene, le avevo fatte proprio io qualche anno prima. Lui non poteva saperlo perché nel colophon appariva solo il nome dello studio… Mi sembrava però che un cerchio si fosse amaramente chiuso).

In realtà poi non ho mai smesso, sia perché lavorando in uno studio non potevo fare di testa mia, sia perché oggi, lavorando in proprio, trovo che sia un settore che offre sempre nuove opportunità e sfide, anche stilistiche.

Si tratta di illustrazioniinfografie, oppure di cartografie, di schemi o tabelle che hanno particolari caratteristiche, a seconda delle età dei piccoli utenti o lettori e della diversa tipologia di manuale, e l’indispensabile dote della chiarezza “didascalica”.

Ambiente foresta

Illustrazioni per libro di Geografia su come si modificano gli ambienti

A volte si è costretti a semplificare: è l’arte del togliere per lasciare solo l’essenziale, sempre così difficile per me come per tutti. (A volte, secondo me, nelle redazioni si esagera un po’ e, a furia di togliere, si rischia di stravolgere la complessità dei fenomeni spiegati, banalizzando troppo la realtà).

Gli stili e le tecniche realizzative possono essere le più diverse: una volta si faceva tutto a mano, al tratto, con le tempere e le ecoline, coi pennelli e l’areografo, mentre oggi è tutto realizzato a computer coi programmi di grafica e impaginazione più disparati. In realtà l’importante è sapere cosa e come rappresentare: qui conta l’esperienza.

La didattica si avvale oggi di tutti gli strumenti che l’innovazione tecnica può mettere a disposizione: sui tablet o sulle L.I.M. ogni tipo di materiale, cartaceo o digitale, fonte, link ha la sua utilità. Insomma, un enorme “ipertesto” di conoscenza è a disposizione dello studente e degli insegnanti. Però lo scopo è sempre lo stesso: insegnare e trasmettere conoscenze in modo preciso.

Purtroppo il numero di case editrici che si occupano di editoria scolastica in Italia è molto diminuito negli ultimi anni; qualche fallimento e tante acquisizioni di marchi storici raggruppati in pochi grandi poli hanno determinato un panorama più ridotto di possibilità di collaborazione. Ma ci si prova sempre e comunque.

DiGiancarlo Paganini

ITINERARI IN 3D

Itinerari in 3D per passeggiate, trekking, gite fuoriporta, per esperti o sedentari: ce n’è per tutti i gusti!

Trovi che le solite mappe topografiche siano difficili da leggere e interpretare? Quando trovi una cartina su un libro o una rivista ti annoi e giri pagina?

Ehi! Oggi è possibile rendere interessante anche una mappa: la cartografia resa bella ed appetibile.

MAI PROVATO COL 3D?

Realizzo con accuratezza cartografia e mappe 3D d’effetto per tutte le tue pubblicazioni, cartacee e per i tuoi social, siti web, ecc.

In 3D con vista da satellite è meglio, perché ti fai un’idea molto precisa di tutto il tuo itinerario nel contesto del territorio che attraversa.

E così anche i lettori della tua guida camminano più sicuri.

Guarda questo esempio. Il testo è liberamente tratto da:

http://prolocolario.it/wp-content/uploads/2011/11/Cartina-Escursioni-Dervio.pdf

DiGiancarlo Paganini

CARTOGRAFIA E MAPPE 3D D’EFFETTO

CARTOGRAFIA E MAPPE 3D D’EFFETTO! VALORIZZA I TUOI PRODOTTI EDITORIALI CON LE MAPPE 3D!

Utilizza mappe geografiche 3d d’effetto per la tua pubblicazione, la tua guida turistica, la tua monografia di ricostruzioni di battaglie storiche, la tua raccolta di itinerari di trekking, le tue localizzazioni!

Infatti, a quante applicazioni può risultare utile questo tipo di cartografia, ovvero la visualizzazione di un territorio visto a volo d’uccello? Infinite, come infiniti sono i territori che è possibile rappresentare. Un mondo! Pensa che le puoi ottenere in tutte le scale che vuoi, con tutti i dettagli che desideri, con le cromie preferite, i simboli personalizzati e lo stile che più ti rappresenta.

Allora, cosa aspetti? Chiedimi tutte le mappe che ora hai scoperto di desiderare! Si tratta di CARTOGRAFIA E MAPPE 3D D’EFFETTO!

Considera che una cartina malfatta o di impatto banale in pagina rovina tutto il resto del tuo lavoro! Per questo, non accontentarti di mappe dozzinali, interessa il tuo pubblico, valorizza il tuo lavoro!

PER ESEMPIO

Qui mostro una prova di cartina con zolla di territorio 3d ottenuta da dati georeferenziati e texturizzata con vista da satellite di GoogleMaps.

Ma, contrariamente a quanto potreste pensare vista questa premessa, non è un risultato congelato esteticamente dal fattore tecnico!

Al contrario, sono editabili toni, colori, effetto altimetrico e alcune simbologie, il punto di osservazione e di conseguenza l’orizzonte prospettico.

Il montaggio finale in un programma vettoriale consente di intervenire di fino su tutti i particolari, sull’editing dei testi, sul dettaglio degli itinerari e dei simboli. Scalabilità totale, per dettagli incredibili!

Davvero l’utilizzo finale è improntato alla versatilità più totale. Basta solo immaginare.

E, infine, non costa tanto! (…in tutti i sensi). Provare per credere.

MAPPA 3D GEOREFERENZIATA CARTOGRAFIA A RILIEVO 3D DI GRANDE EFFETTO

CARTOGRAFIA 3D con rilievi da dati georeferenziati e texture da immagini satellitari

MAPPA TURISTICA 3D ITINERARI GITE FUORIPORTA. PIANI DI ARTAVAGGIO – LOMBARDIA

DiGiancarlo Paganini

Iconografia e cartografia per la Pubblica Amministrazione

Il caso del Rapporto Lombardia 2017  di Éupolis Lombardia

 

Cartografia e infografica per la Pubblica Amministrazione - Rapporto Lombardia 2017

Esempio Rapporto Lombardia 2017

Con l’agenzia Adasto di Sergio Sfondrini ho partecipato alla realizzazione del “Rapporto Lombardia 2017” con l’ideazione dell’iconografia (che doveva richiamare quella degli obiettivi Onu Agenda 2030, differenziandosi), della cartografia e della parte infografica. Il lavoro per la Pubblica Amministrazione (alla quale sono abilitato e registrato come fornitore di servizi grafici presso Sintel) è sempre molto interessante e richiede rigore, serietà e puntualità.

Vai al sito della Regione Lombardia e scarica i pdf del Rapporto e della sintesi QUI