Archivio dei tag salvezza

DiGiancarlo Paganini

Auguri di Buon Natale

…E di un sereno 2024

Cari amici, innanzitutto Auguri di tutto cuore per un buon Natale e un Sereno anno nuovo!
Com’è possibile quest’anno proseguire a fare gli auguri in questa situazione, quando il mondo intero è vittima di guerre, violenze, ingiustizie, odio, rancori, vendette, egoismo, indifferenza, cinismo… quando, insomma, tutto il male che si può pensare provoca solo morte e distruzione?

Giancarlo e Daniela vi augurano Buon Natale e sereno anno nuovo (animazione dal canale Youtube di Daniela https://youtu.be/Ymx8ilDMMK8)

Il RISIKO MONDIALE

Quando i potenti (qui una incompleta rappresentanza: mancano per esempio Yahya Sinwar di Hamas, Ali Khamenei dell’Iran, un Talebano, uno Houthi dello Yemen, i vari “dittatori eletti” latinoamericani e africani, ecc, ma non ci stava più nulla…) giocano al RISIKO sulla pelle dei popoli e i mercanti d’armi si fregano le mani allegramente. Quando ci scopriamo impotenti a cambiare in meglio le sorti della Storia (e spesso anche della piccola storia personale e familiare).
È ancora possibile sperare senza apparire o sentirsi ebeti sognatori o ingenui? O, peggio ancora, cinici? Il nostro desiderio, come quello di tutti popoli è la pace. Pace dei cuori e prosperità, come dicono gli orientali: allora come si spiega il mistero del Male che uccide tutto, persone, cose e natura? Che senso ha gridare ancora “Pace!”? Che senso ha fare gli Auguri di Buon Natale, oggi?

Un patrimonio dell’umanità

C’è purtroppo un patrimonio dell’umanità, (non riconosciuto dall’Unesco), consegnatoci in eredità dai nostri progenitori, frutto di una ribellione e di una sfiducia illogica nei confronti di Chi ci ha amato e creato per la gioia. Per invidia del diavolo (il divisore, il primo dei ribelli, puro spirito invidioso di un essere così spregevole e “materiale” come l’uomo, eppure così libero e amico di Dio) il peccato è entrato nel mondo e il germe velenoso della ribellione e dell’inimicizia ha corrotto e rovinato tutto. L’uomo si è fatto dio e da allora cerca di sacrificare tutto e tutti a sé. E’ originale il peccato in questione, cioè è vecchissimo fin dalle origini, non è affatto sinonimo di nuovo (come tutti i peccati che ne derivano d’altronde). Purtroppo segna la nostra natura alla radice e produce nella storia omicidi, tradimenti, ingiustizie e violenza: Caino e Abele sono solo il primo esempio del disastro che ci arriva dal profondo della vicenda umana.

E quindi, siamo condannati?

Mi rendo conto che dire queste cose e rifarmi alla dottrina cattolica sul male e la redenzione mi posiziona automaticamente nella schiera degli stupidi che danno retta alle favole della religione. (D’altra parte sono catechista coi bambini dell’iniziazione cristiana, che volete farci, perdonatemi). Ma, “La mia banca è differente!” recitava una vecchia pubblicità molto arguta. I “liberi pensatori” pensino piuttosto da chi derivano le loro opinioni, a chi seguono acriticamente e senza accorgersi di essere plagiati. Io, ogni giorno verifico la bontà e la sensatezza di questo racconto biblico e soprattutto che l’umanità, da sola, non ce la fa ad uscirne, pur con tutta la buona volontà espressa da qualche genio (cosa che nasce dal fatto che non siamo fatti per il male ma per il bene, cioè per l’Essere e non per il nulla. Per questo non ci si rassegna al male).

Il punto di svolta

Il presepio con la sacra famiglia, che si vede nel biglietto animato

Ma Dio misericordioso, il creatore, Amore trinitario, ha dovuto mandare il suo Figlio, Gesù, detto il Cristo, nel mondo, a Betlemme, nascendo come un bambino povero e indifeso, in un momento preciso e documentato della storia, per offrirsi in sacrificio salvifico per noi uomini. Da sempre tutti i popoli della storia hanno avuto l’intuizione corretta di dover fare sacrifici agli dei per la remissione dei peccati, per ottenersi il loro favore, cioè il bene in tutte le sue forme immaginabili. Ma non erano sufficienti, (forse pii e apprezzabili umanamente), ma sicuramente non debellavano alla radice quel peccato di ribellione. Gesù, l’agnello di Dio, innocente, si è sacrificato in obbedienza alla volontà del Padre, ripristinando per sempre e per tutti quel rapporto di unione e fiducia che si era rotto col primo peccato. Dio stesso ha accettato di annullarsi per noi sulla croce. Risorgendo però ha vinto la morte che non poteva tenere prigioniero l’autore della vita. Dalla somma ingiustizia si è ricreata la somma Giustizia. Per essa siamo stati giustificati senza nostro merito. Da allora Cristo è la nostra Pace: è possibile la pace e il perdono. Cose impossibili agli uomini.

Un fatto nuovo

Mors tua, vita mea. Gli uomini continuano ancora e sempre a giocare al Risiko e a sacrificare le vite degli altri per salvare se stessi. Che è il contrario di quello che ha fatto Gesù e fanno ancora oggi moltitudini di persone che il Risorto raggiunge mediante il suo Spirito e il suo Corpo che è la Chiesa. Mors mea, vita tua.

L’affresco della Pietà all’esterno della chiesina di san Rocco a Tesero, Val di Fiemme. Mors mea, Vita tua (Non lo conoscevo; mi ha inviato la foto l’amica Flavia L.)

Allora la speranza dov’è? Dio ha messo sul tavolo della Storia (grande e piccola) un fatto nuovo: Lui che si incarna “per noi uomini e per la nostra salvezza”. E questo fatto che scardina tutti i piani, le tattiche, i progetti umani, non potrà mai più essere eliminato dalla storia.
(Rimando qui alla lettera del Card. Pizzaballa Patriarca di Gerusalemme dei latini alla sua Diocesi, che testimonia meglio di quanto possa fare io la potenza di questa vittoria di Cristo che si manifesta nella sconfitta della Croce).
Lasciandoci raggiungere e accogliere da Lui; lasciando che prenda possesso di noi mediante il Battesimo, abbracciandolo, seguendolo e dandogli fiducia anche noi veniamo cambiati e poco per volta siamo assimilati a Lui, il Suo sguardo diventa anche il nostro. E anche se la conseguenza inevitabile del peccato originale ci farà dolorosamente passare attraverso “sorella nostra morte corporale”, questa non sarà più il nostro orizzonte ultimo e definitivo perché avremo accesso alla vita eterna per i meriti di Cristo. Di questo ho la grazia di essere continuamente testimone: anche oggi, al funerale del carissimo Mario B. ha vinto già la resurrezione.

Ecco, allora, il motivo

Ecco spiegato un po’ “teologicamente” il biglietto di quest’anno, … mah, …forse carine le caricature, mah… forse un po’ criptico il senso che per alcuni, a prima vista, risulta addirittura indecifrabile o inaccettabile.
Non ingenuo, però.

Comunque, a Natale, si festeggia questo Avvenimento, non altro.
Per cui, ancora, AUGURI DI BUON NATALE!!!!!

seers cmp badge